Media Partner

mercoledì 23 luglio 2014

Presentazione Teatro di Paglia: rassegna stampa



AD AGOSTO TRE APPUNTAMENTI AL TEATRO DI PAGLIA DEL PARCO GIOENI (CT)


È stato presentato al pubblico stamane, con la visita del sindaco di Catania, Enzo Bianco prima, e dell'assessore Orazio Licandro poi, il “Teatro di Paglia” innalzato al Parco Gioeni, il più ampio “polmone verde” del capoluogo etneo. Eretto assemblando balle di paglia, che per le proprie peculiarità non necessitano di alcun collante o strumento di montaggio conciliando bioedilizia ed ecosostenibilità, leggerezza e resistenza, semplicità e sicurezza, economicità e resa, l'anfiteatro “deperibile” e temporaneo da 120 posti, voluto dal regista catanese Elio Gimbo, ospiterà spettacoli, concerti ed eventi culturali per oltre un mese, dal 23 luglio al 24 agosto.
E in uno scenario che riporta alla natura e alla tradizione – com'è noto l'architettura di paglia è appannaggio della civiltà contadina – unendola ad arte e creatività, non potevano mancare “Centro Magma”, “La terra del sole” e “Terre forti”, consolidate realtà no-profit che animano una delle più apprezzate e riconosciute istituzioni culturali siciliane: la Sala Magma di via Adua 3 a Catania. Saranno tre gli appuntamenti al Parco Gioeni per gli attori e musicisti della Sala Magma: si parte martedì 12 agosto con “Mao, Belzebù e il Padreterno”, per proseguire una settimana dopo, il 19 agosto, con “Rèpitu d'amuri”. Si chiude giovedì 21 agosto con “Stidda lucenti china di biddizzi”. Un programma completo, che concilia divertimento e riflessione, musica e teatro, commedia e recital, all'insegna della Lingua Siciliana, che nei versi di Santo Calì in “Repitu d'amuri” trova la propria espressione più autentica e viscerale. Non è da meno l'excursus pindarico sulla figura della donna e la bellezza femminile nella tradizione siciliana in “Stidda lucenti china di biddizzi”, mentre non mancherà di strappare più di un sorriso (ma anche qualche riflessione, ancor più pensando ai recenti sviluppi geopolitici) l'epica contesa fra Belzebù ed il Padreterno che vogliono far propria...l'anima di Mao Tse Tung!
Uno sforzo organizzativo che la Sala Magma e quanti vi operano durante la stagione invernale ha fortemente voluto mettere in campo, sposando con convinzione l'idea di un “ritorno” alle origini, alla terra, alla natura. Per portare ad un pubblico sempre più ampio e sempre più consapevole il messaggio dell'ideale e virtuoso connubio fra arte ed ambiente, con la tradizione vista e vissuta in maniera intima e trasposta per gli spettatori del XXI secolo con la riscoperta di mezzi, strumenti e materiali “di base”. Come voce, braccia e balle di paglia, ed in locations che riconducono ai colori, agli odori, agli usi di tempi che furono e che molto possono darci ed insegnarci per farci vivere meglio la contemporaneità fatta di frenesia ed artificiosità.
L'inizio degli spettacoli è previsto per le ore 21, con biglietto d'ingresso fissato a 10€ (ridotto 5€). Sin dalle 17 sarà aperta un'apposita area ristoro / bar aperta a tutti i visitatori del Parco.

A cura di:
centro teatrale e culturale Magma www.centromagma.it
la terra del sole” soc.coop.va a r.l. www.laterradelsole.it
Terre forti - associazione culturale” www.terreforti.org